CHANGE COLOR
 
  RADIO MUSEO:100 oggetti per 100 anni
  Data: 28/07/2014
  •  

    Il progetto promosso dall'IBC in collaborazione con la Fondazione Fossoli e i Musei di Palazzo dei Pio, ha visto la partecipazione della scuola secondaria di primo grado Guido Fassi e del Liceo Manfredo Fanti. 
    Il progetto prevede il racconto radiofonico di 100 opere dei Musei di Carpi tra cui il Museo Monumeno al Deportato, che per tutto il 2014 sono esposte nella mostra “100 oggetti per 100 anni”. 

    Il progetto ha lo scopo di raccontare una storia nuova, decifrando i messaggi trasmessi dagli oggetti: messaggi su civiltà e luoghi, ambienti e interazioni, su momenti diversi della storia tra i quali anche la nostra epoca. Partendo da questi oggetti, gli studenti affrontano un particolare ambito della società, oppure processi semplici e complicati, i mondi da cui questi oggetti provengono e per i quali sono stati creati, ma anche i periodi successivi che li hanno trasformati e ricollocati, a volte con significati che andavano ben oltre le intenzioni dei loro primi artefici. E in particolare per gli oggetti del Museo Monumento l’oggetto potrà far rivivere anche le persone a cui apparteneva. Andando quindi a scandagliare la Storia con la S maiuscola, ma anche le storie di queste cose o le storie che le cose stesse stimolano, secondo quattro criteri-guida: la poesia delle cose; la sopravvivenza delle cose; la biografia delle cose; le cose al di là del tempo e dello spazio.
     

    Le immagini sono state sostituite con un numero equivalente di storie, raccontate non dalla voce degli “esperti”, ma degli studenti che sugli oggetti hanno lavorato nel corso dell’anno scolastico. 

    Degli oggetti, opere d’arte e reperti del Museo Monumento al Deportato si sono occupati gli studenti del Liceo scientifico Fanti:
    ogni studente ha costruito una storia in forma narrativa dell’oggetto adottato.

     


    Radio Museo ha vinto il bando “Io Amo i Beni Culturali, 2013/2014”, progetti didattici finanziati dall’IBC Istituto per i Beni Artistici dell’Emilia Romagna.
    Qui di seguito i brani registrati dai ragazzi associati agli oggetti presenti nel Museo Monumento al Deportato.

     

     

     

    per ascoltare gli altri oggetti cliccate qui
    Buon ascolto.