CHANGE COLOR
 
  23 ottobre: MINO STEINER. IL DOVERE DELL'ANTIFASCISMO
  Data: 23/10/2015
  •  
    La Fondazione Fossoli è lieta di segnalarvi la partecipazione a due interessanti iniziative:
     
    la presentazione del volume
    Mino Steiner - Il dovere dell'antifascismo 
    ed. UNICOPLI
     
     
     
    Il libro sarà ufficialmente presentato, nel quadro della manifestazione Bookcity Milano 2015, il prossimo 23 ottobre 2015, ore 14:30, alla Casa della Memoria in V. F. Confalonieri 14, Milano.

    Con l’editore, Marzio Zanantoni, parleranno del libro Giuliano Banfi, vice-presidente della sez. Aned Milano (Associazione Nazionale Ex.Deportati Lager Nazisti),
    e Marzia Luppi. direttrice della Fondazione Ex-Campo di Fossoli.
    Sarà presente l'autore.
     
     
    Di seguito una breve scheda del libro;
    dal link a fianco è possibile scaricare la locandina di presentazione dell’evento su progetto grafico di Anna Steiner.
     

    Marco E. Steiner.
    Mino Steiner. Il dovere dell’antifascismo.
    EDIZIONI UNICOPLI, 2015
    Mino Steiner, figlio di Emerico Steiner, industriale milanese di origine boema, e di Fosca Titta, sorella del baritono Titta Ruffo, è nipote, per legami famigliari, di Giacomo Matteotti. Laureato in giurisprudenza, inizia l’attività lavorativa nello studio dell’avvocato antifascista Lelio Basso. Con l’arrivo degli Alleati in Sicilia, viene contattato dai servizi segreti anglo-americani per il comando della prima missione segreta inviata oltre la linea del fronte in Nord-Italia: la missione “Law”.
    Negli ultimi mesi del ’43, a Milano, progetta con Mario Paggi, Antonio Basso, Carlo E. Galimberti, Gaetano Baldacci e altri, un giornale di cultura politica aperto a tutte le idee antifasciste: “Lo Stato Moderno”. Arrestato dalla polizia politica il 16 marzo 1944, viene rinchiuso a S. Vittore, reparto SS; dopo sei settimane è trasferito a Fossoli e da qui il 21 giugno 1944 a Mauthausen. Muore nel sottocampo di Ebensee (Cement) il 28 febbraio 1945. Il libro ne traccia la biografia e riproduce una ampia parte di documenti inediti presenti nell’archivio di famiglia: lettere, scritti, appunti giovanili, bozze di articoli per la stampa, biglietti e corrispondenza clandestina da S. Vittore e da Fossoli.