CHANGE COLOR
  #trenoxauschwitz2014: DIARIO DI VIAGGIO
  Data: 01/04/2013
  • "Grazie a tutt* voi della Fondazione Fossoli da parte mia e degli studenti dell'IPSIA Corni per questo viaggio nella memoria, un'esperienza che non dimenticheremo mai... Grazie in particolare da parte mia per aver insegnato loro qualcosa che noi prof non avremmo mai potuto comunicare con nessuna delle nostre molte parole..."

    Mara Mellace - IPSIA CORNI - Modena by FB


     

     

     

     


     

     

    a questo link altre foto del viaggio: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10202727811827852&type=1&l=c6a2e5d668

     

     


    Diario della giornata di ieri giovedì 3 aprile                                                                                                                                                                                                                 

     

    "Stamani abbiamo visitato il campo di Birkenau. Per molti ê stato il momento di approfondire uno dei principali centri di sterminio del terzo Reich. Simo partiti dalla Judenrampe e abbiamo percorso la strada che ha portato i deportati a morire all'interno delle camere a gas situate nel campo di Birkenau. Sembrava di sentire il "ciac" di quei vagoni che si aprivano, i passi delle persone sull'acciottolato che percorrevano il campo. Impressiona l'immensità del luogo...ben 40 km quadrati! Sul percorso la riproduzione di fotografie scattate dal fotografo incaricato ufficialmente di documentare questo genere di operazioni aiuta ad avvicinarsi allo stato d'animo dei deportati e a come doveva loro apparire il campo di Birkenau una volta entrati.

    Nel pomeriggio con Carlo Saletti, storico ed esperto di Auschwitz, abbiamo fatto un percorso alternativo, fuori dalla parte museale di Auschwitz II, che ci ha aiutato ad immaginare Birkenau nel 1941 e a riflettere sui cambiamenti apportati al campo e alle strutture dopo la cosiddetta soluzione finale della questione ebraica. Carlo Saletti ci ha anche aiutato a riflettere sull'aspetto archeologico e della rappresentazione museale di questo luogo.

    Al ritorno ci siamo fermati a Monowitz per una breve cerimonia in ricordo di Primo Levi e di chi, come lui era stato internato a Monowitz (Auschwitz III). Non esiste praticamente più nulla a Monowitz, se non un piccolo e ufficioso monumento composto da una croce cattolica (?!) in memoria di quanto accaduto su quel territorio. Il momento è stato intenso con la lettura di brani da "Se questo è un uomo" e con un omaggio musicale.

    La sera Francesco M. Cataluccio e C. Saletti ci hanno proposto un approfondimento della storia personale ed artistica di Bruno Schulz con un dialogo a due voci che ha creato una dinamica che è piaciuta molto al pubblico di studenti e adulti e ha permesso di avvicinarci meglio a questo personaggio.

    A domani con un nuovo aggiornamento."

    Manuela Galantini - operatrice didattica della Fondazione Fossoli

     

    1.  Ritwittato da 

      i ragazzi ai concedono una pausa pranzo. Nel pomeriggio avranno altro tempo le visite

       
    2.  Ritwittato da 
    3.  
     
    1. Carlo Saletti spiega agli studenti il funzionamento della "piscina" di Auschwitz

       
    2.  Ritwittato da 

      i numeri della mattanza. 5 anni, almeno un milione e 300mila internati. Ebrei, polacchi, rom

       
    3.  Ritwittato da 

      lo storico Costantino Di Sante insieme ai ragazzi del Meucci di Carpi

       
    4.  Ritwittato da 

      alcuni studenti davanti mappa del complesso di sterminio di Auschwitz

       
    5.  Ritwittato da 

      la famosa frase di George Santayana, filosofo e poeta, all'ingresso del Blocco 4

       
    6.  Ritwittato da 
    7.  

    Tweet

     

    Diario di viaggio del treno per Auschwitz 2014

    il Treno per Auschwitz ( #trenoxauschwitz2014) è giunto alla decima edizione.
    Quest anno viaggiano con gli oltre 600 studenti della Provincia di Modena, artisti scrittori e storici quali
    Cisco, Beppe Carletti dei Nomadi, Paolo Nori, Francesco Matteo Cataluccio, Alfonso Botti...
    Viaggiatori o spettatori che siate vi invitiamo ad inviare un commento, una riflessione, una foto su questa esperienza mandano una mail
    al nostro indirizzo fondazione.fossoli@carpidiem.it
    Qui sul nostro sito sarà pubblicato giornalmente il "diario di viaggio" che raccoglierà parte dei contributi da voi inviati.
    saremo presenti contemporaneamente anche su facebook (www.facebook.com/fossoli) e twitter (@excampofossoli  #excampofossoli  #trenoxauschwitz2014)